Strategia SEO per categorie e tag

Hai un blog su WordPress e vorresti che le tue pagine archivio siano il tuo obiettivo principale per un buon posizionamento nei motori di ricerca? Devi sapere che esiste una strategia SEO per ottimizzare categorie e tag in modo che siano più rilevanti rispetto ad un singolo articolo. Tale strategia richiede però la realizzazione di un’aggregazione di contenuti legati ad un determinato argomento. Google deve poter comprendere cosa un sito propone e, anche in questo caso, per farlo bisogna creare una serie di post relativi a vari argomenti da associare agli archivi obiettivo. Ma come funziona esattamente?

Articoli pertinenti e rilevanti

Oltre a dotare tutto il blog di una buona struttura di link interni al fine di ottimizzare la link Juice nel modo migliore possibile, è opportuno progettare il proprio piano editoriale in modo da non essere ultimi nelle pagine dei risultati di ricerca di Google e degli altri motori di ricerca.

  • Per articoli pertinenti (indicatore oggettivo), intendo tutti quei post che hanno una vicinanza semantica all’argomento della categoria;
  • Per articoli rilevanti (indicatore soggettivo), intendo tutti quei post che trattano uno o più argomenti importanti per l’utente, e quindi anche per i motori di ricerca.

La strategia SEO per una categoria

Come esempio prendiamo la mia categoria Ottimizzazione SEO, che ricordo deve essere una parola chiave specifica e non un termine troppo difficoltoso (non avrebbe senso avere come obiettivo la categoria “Internet” o “Tecnologia”. Tale archivio dovrebbe contenere un’introduzione sulla SEO, giusto per spiegare cosa significa ottimizzare un sito onsite. E subito dopo l’elenco di articoli pertinenti e rilevanti. Man mano che il numero di post nella categoria tenderà ad aumentare, andrà ad incrementare la rilevanza dell’archivio, e quindi a migliorare anche il posizionamento.

Ad esempio si può dire che

  • La composizione di articoli sulla SEO per WordPress, diventerebbe molto rilevante oltre che pertinente alla categoria obiettivo;
  • La redazione di post che trattano la link building probabilmente andrebbe meglio per la categoria “posizionamento SEO”;
  • La scrittura di documenti relativi a “come correlare articoli tra loro” potrebbe far parte della categoria obiettivo;
  • L’elaborazione di pagine riguardanti la SEO semantica avrebbe più vicinanza semantica con l’archivio relativo al posizionamento.

Si posizionano meglio le categorie o i tag?

Non si può dire che esista una priorità. Personalmente per le categorie preferisco un ambito più generale, come l’ottimizzazione SEO, mentre invece un tag si può associare a nicchie più specifiche, come la link building o la SEO semantica. La cosa importante quando si creano i contenuti per una stessa categoria o tag è quella di evitare la keyword Cannibalization.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *